azienda

Siamo un’impresa artigiana che sviluppa e realizza superfici continue in resina per pavimenti e rivestimenti su misura.

La nostra forza è nella capacità di rinnovarci in ogni progetto, facendo confluire tecniche consolidate in soluzioni sempre inedite e costruite sulle specifiche esigenze di ciascun cliente.

persone

Valerio Galante

direttore tecnico e commerciale

________________________________________________

________________________________________________

Luigi Galante

direttore amministrativo

____________________________

____________________________

Emanuela Niccoli

architetto

______________________

______________________

 

 

storia

 

_2000 | L’apprendistato

Facendo tesoro dell’esperienza di suo padre Luigi, che negli anni ’80 e ’90 è stato formatore e informatore delle prime generazioni di applicatori di resina per pavimentazioni industriali, Valerio entra nel laboratorio ricerca e sviluppo di Cemento di Luna®, il cui visionario creatore Andrea Orsini ebbe per primo l’intuizione di mutuare dall’industria l’estetica dei pavimenti continui, travasandola nel settore della creatività, dell’arte e della moda. Per Valerio è un colpo di fulmine: qui può coniugare la sua naturale inclinazione artistica con la sua formazione scientifica, apprendendo e sperimentando, come in una vera e propria bottega rinascimentale, quel connubio di chimica, manualità, estro e controllo tecnico che costituiscono i rudimenti fondamentali per realizzare un rivestimento continuo.

_2005 | L’avvio

Valerio intraprende l’attività in proprio, focalizzandosi sull’uso di formulati a matrice epossidica e portando avanti l’approccio sperimentale appreso grazie alla sua esperienza in Cemento di Luna®. Approccio che non abbandonerà più e che contraddistinguerà sempre più chiaramente il suo profilo professionale: non un applicatore di prodotti reperiti in commercio, bensì un creatore di formulati a partire dai singoli ingredienti, un alchimista il cui lavoro produce manufatti unici e inediti, accomunati da una costante: la personalizzazione.

_2008 | Il consolidamento

E’ l’anno del sodalizio con Emanuela, che orienta il lavoro verso un approccio metodologico improntato alla codificazione e mirato a fornire uno strumento operativo sempre più riconoscibile per architetti, ingegneri e imprese di costruzione. Questa nuova direzione segna una maturazione dell’attività, che si configura definitivamente come vera e propria progettazione e realizzazione di sistemi resinosi per superfici continue su misura.
L’incontro tra Emanuela e Valerio dà vita inoltre a made in babele, una fucina creativa di oggetti e complementi d’arredo realizzati a mano con le stesse tecniche e materiali delle superfici continue. Le due discipline sono e saranno vasi comunicanti che si alimentano reciprocamente.

_2018 | L’anno zero di biorivestimenti

Supportato dalla recente comparsa sul mercato delle prime resine ecologiche, Valerio si concentra sullo sviluppo di sistemi resinosi di nuova generazione. E’ l’anno zero: nasce la nuova filosofia di biorivestimenti, nettamente orientata a un obiettivo di sostenibilità.

valori

   

_sostenibilità

Grazie a un costante monitoraggio dello stato dell’arte nel settore delle tecnologie per l’edilizia, utilizziamo prodotti e processi che minimizzano l’impatto sull’ambiente e sulla salute dell’uomo

I nostri biorivestimenti sono sistemi resinosi di nuova generazione e costituiscono, rispetto ai tradizionali rivestimenti continui, un passo cruciale verso la riduzione dell’impatto ambientale

le materie prime che costituiscono i nostri sistemi resinosi sono prodotti di recupero derivanti da altri processi industriali oppure risorse largamente reperibili in natura:
_resine di nuova generazione a base vegetale
_fibre naturali come cotone, canapa o juta
_inerti rinnovabili come pomice e lapilli vulcanici, o recuperati da altri processi produttivi come polveri di legno, cotto e marmo, o largamente reperibili in natura come sabbie e quarzi

il ciclo produttivo delle resine di nuova generazione richiede meno energia, genera sottoprodotti meno dannosi ed emissioni di gas a effetto serra inferiori del 33% rispetto alle resine tradizionali